Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Rivoluzione Napoli, 4 Giugno giorno zero: cosa succederà dopo quella data

Napoli

Napoli pronto a guardare avanti: lo spartiacque è il prossimo 4 Giugno. Festa Scudetto definitiva, poi comincerà la rivoluzione.

Anno zero. Quello che il Napoli vivrà dalla prossima stagione si chiama “exuvia”: termine tecnico per gli animali quando cambiano pelle. I partenopei cambieranno allo stesso modo. L’obiettivo è dimostrare che quanto fatto in questa stagione non sia frutto di un unico exploit: riconfermare un cammino all’altezza significa anche rimettere al centro importanti tasselli. Il programma di De Laurentiis è chiaro: dare il via alla Festa Scudetto definitiva, con celebrazioni e iniziative, per poi iniziare a pensare al futuro che è già in qualche maniera presente.

Napoli
Napoli, parte la carica – TvPlay.it

Visto che i giochi, sul piano della classifica, sono fatti: la classifica per i partenopei non ha più niente da chiedere. Allora si pensa al resto, vale a dire al mercato e le possibilità che riserva. L’auspicio maggiore è tenere i big, ma non sarà semplice: anche su questo il Presidente resta nel mezzo perchè sa che uno come Osimhen, ora, schizza sulla piazza. Lo vogliono tutti e qualcuno è anche disposto a spendere molto: si vedano le sirene dalla Premier o direttamente in Germania.

Napoli come nuovo: il piano di De Laurentiis tra mercato e progetti

I soldi sul piatto ci sono: De Laurentiis deve decidere se il nigeriano deve interpretare il ruolo della vittima sacrificale, oppure no. Venderlo per fare cassa e un mercato all’altezza, oppure tenere questa squadra – Campione d’Italia – e puntellare qualcosa? Il dilemma lo pervade come un novello Amleto. La verità è che il mercato deve essere mandato avanti. La panchina lunga serve anche in relazione all’impegno Champions. Le seconde linee dovranno essere all’altezza delle prime, come è successo quest’anno, ma chi garantisce l’esperienza europea?

Napoli-Fiorentina
Napoli pronta ai festeggiamenti al Maradona (TV Play)

Serve ulteriore mordente che i titolari hanno, ma Spalletti vuole garanzie. A tal proposito: tecnico al suo posto, ma il problema rischia di essere la panchina. Nel vero senso della parola visto che il Napoli ha in mente – oltretutto – di rinnovare il Maradona. Via la pista di atletica e panchine nuove. Non solo: De Laurentiis vorrebbe anche riqualificare l’intera struttura. I tempi stimati portano al 2032. Si vedrà, ma tutto comincia da quel 4 Giugno. Un lieto fine non è altro che un nuovo inizio.

Gestione cookie