Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Torino, rottura del crociato per Schuurs: si punta ad uno svincolato?

Inter

Il Torino è uscito molto male dal match con l’Inter, alla sconfitta si è infatti aggiunta anche la perdita di Schuurs fino a fine stagione.

Il campionato del Torino non sta riservando finora molte soddisfazioni alla squadra di Ivan Juric. I granata infatti hanno rimediato una sonora sconfitta casalinga contro l’Inter, tornata nuovamente capolista, ma i guai non finiscono qui. Oltre alla quarta partita persa su nove, in cui i successi sono stati solamente due, la squadra piemontese ha perso fino a fine stagione uno degli uomini più importanti del suo assetto difensivo.

Questo brutto infortunio comporta anche una riflessione da parte dello staff tecnico insieme alla dirigenza. C’è da capire infatti se il buco che lascerà Schuurs vada colmato con un nuovo acquisto o meno ed eventualmente chi potrebbe essere un papabile sostituto. Ecco quindi che si fa strada l’ipotesi che il Torino possa ingaggiare un calciatore attualmente svincolato e le occasioni da questo punto di vista non mancano.

Gli svincolati più appetibili per il Torino

Il Torino può intervenire sul mercato e ha la possibilità di esaminare il “catalogo” degli svincolati senza limiti di sorta. Il club infatti ha la possibilità di tesserare ancora un altro giocatore extracomunitario dall’estero. Tuttavia potrebbe non essere nemmeno necessario occupare l’ultimo slot rimasto dal momento in cui gli svincolati più appetibili risulterebbero tutti avere nazionalità comunitaria.

Phil Jones, ex Manchester United. (ansa-tvplay)
Phil Jones, ex Manchester United. (ansa-tvplay)

A partire da Shkodran Mustafi, 31 anni, che in passato ha vestito le maglie di Valencia, Schalke 04, Arsenal, ma anche Sampdoria. Il difensore ha nel suo palmares una Coppa del Mondo e svariati trofei inglesi, che sono sicuramente un bagaglio di esperienza da non sottovalutare.

Per una maggior conoscenza della Serie A però potrebbe avere senso anche il marocchino Zouhair Feddal, che con i suoi trascorsi a Parma e Palermo, oltre che col Siena in Serie B non si può dire che non conosca il nostro calcio, i 33 anni sulla carta d’identità però potrebbero non essere un fattore incoraggiante. Tra gli usati “garantiti” spicca anche Phil Jones, che vinse un titolo Premier League e l’Europa League con il Manchester United, il 31enne è rimasto svincolato dopo 12 anni con i Red Devils. Resta da capire però se l’ingaggio di profili come questo possa rappresentare uno scoglio troppo alto da superare per Cairo. Non è quindi da escludere la soluzione fatta in casa, dopo la promozione in prima squadra di Ange N’Guessan infatti il Toro ha nella sua primavera un altro centrale sicuramente degno di nota, Alessandro Dellavalle.

Gestione cookie