Bologna, due settimane di verità: perché i prossimi impegni saranno decisivi per il futuro

La formazione di Thiago Motta si appresta ad affrontare quindici giorni decisamente caldi: analisi e prospettive del momento.

Il Bologna continua a stupire e complice la vittoria di domenica scorsa contro il Frosinone l’asticella comincia ad alzarsi sempre di più. Le statistiche di questo inizio di stagione confermano un trend estremamente positivo. Sì perché la formazione di Thiago Motta, pur avendo affrontato corazzate come Inter, Juventus e Napoli, non perde da 8 partite di fila, e ha anche una delle migliori difese non solo d’Italia, ma addirittura di tutta Europa. I sette gol subiti finora dimostrano la solidità difensiva raggiunta dalla compagine rossoblu, che ora avrà quattro partite piuttosto delicate nella quale si potranno chiarire sempre di più obiettivi e aspirazioni.

Thiago Motta non si sbilancia e continua a chiedere totale equilibrio in vista del prossimo futuro. Già a partire dal match di sabato al Mapei Stadium che metterà tra il Sassuolo come possibile ostacolo ad un percorso fin qui di notevole livello. I neroverdi arrivano da un solo punto guadagnato nelle ultime tre uscite e nel derby emiliano puntano a tornare al successo. Non sarà dunque una partita semplice per il Bologna, guidato in altrettanta maniera da motivazioni forti legate all’imbattibilità e alla voglia di assaporare l’aria delle posizioni europee.

Bologna, due settimane tra ambizioni e pericoli

Sul cammino dei rossoblu, inoltre, ci sarà anche da tenere conto della partita di Coppa Italia contro l’Hellas Verona, in programma martedì 31. Un impegno infrasettimanale che potrebbe togliere ulteriore lucidità alla squadra felsinea, con il tecnico Thiago Motta che dovrà essere bravo a dosare il più possibile le forze per non abbassare il livello delle prestazioni. Sì perché sullo sfondo, inoltre, incombono altre due gare di campionato molto delicate. Dopo appena tre giorni dalla notte di Halloween, infatti, il Bologna scenderà in campo al Dall’Ara contro la Lazio, mentre nel week end successivo sarà ospite della Fiorentina al Franchi. Insomma, due impegni molto insidiosi che potranno svelare il livello di maturità raggiunto dai rossoblu.

Bologna
I giocatori del Bologna festeggiano la vittoria col Frosinone – Foto LaPresse – TvPlay.it

In appena due settimane, dunque, il Bologna scenderà in campo ben quattro volte, con un calendario piuttosto fitto che rischia di trasformarsi in una trappola. Chiaro che, se Zirkzee e compagni, riusciranno a mantenere alto il livello di intensità allora ogni partita può trasformarsi in un’occasione per consolidare la classifica e le ambizioni europee. Gli emiliani, infatti, hanno dimostrato di saper fermare le grandi squadre del nostro campionato, con il solo Milan, alla prima giornata, capace di sfruttare le debolezze di una squadra, in quel momento, ancora incompleta. Giorni di fuoco in arrivo, dunque, con Thiago Motta pronto a tenere saldo il timone di una nave che si avvicina sempre più ad una possibile insidiosa tempesta.

Impostazioni privacy