MOSCARDELLI: “L’INTER RISCHIA A NAPOLI. MILAN, OCCHIO AL FROSINONE”

L’ex centravanti Davide Moscardelli è intervenuto in diretta a ‘Gol di Tacco’ in diretta su TvPlay

“IL NAPOLI E’ CAMBIATO CON MAZZARRI” –Napoli-Inter è la partita più importante. Nel Napoli dovrebbe tornare Osimhen dall’inizio, una grande notizia per gli azzurri. Per la squadra di Simone Inzaghi si tratta della terza partita consecutiva in trasferta. Mentalmente i nerazzurri potrebbero risentire delle gare contro Juventus e Benfica. Il Napoli con Mazzarri sembra una squadra molto diversa rispetto a quella vista con Rudi Garcia. Zielinski all’Inter? A loro non serve molto, lo tolgono alla concorrenza.

“MILAN IN AFFANNO, OCCHIO ALL’INSIDIA CHIEVO” –Il Milan? Definirlo in difficoltà è poco. La squadra di Pioli ha problemi sia di gioco che di organico con tanti, troppi infortuni. Per uscire da un momento del genere serve solo vincere, ma dovrà fare attenzione al Frosinone. La squadra di Di Francesco scenderà in campo serena e senza niente da perdere. Il Milan dovrà tirar fuori l’orgoglio per far sua la partita. Il mercato del Milan era intrigante, le prime operazioni sono state buone ma evidentemente non ha chiuso bene. Forse ha preso troppi giocatori dall’estero”.

“ROMA NON MALISSIMO CONTRO IL SERVETTE” –La Roma contro il Servette non ha giocato bene, ma neanche malissimo. Il campo in pessime condizioni non ha aiutato, hanno avuto un buon possesso palla anche se non hanno fatto niente di trascendentale. È mancato il colpo del ko e poi non dovevano incassare il gol del pareggio. La Roma avrebbe dovuto senz’altro fare qualcosa in più anche sentendo il risultato dello Slavia Praga che a un certo punto stava perdendo. Alla fine è stato meglio che lo Slavia abbia vinto la partita, altrimenti i rimpianti sarebbero stati maggiori. La Roma ha fatto il compitino ma non è bastato: Aouar? C’erano grandi aspettative su di lui, è demerito suo se non si è ancora integrato. Mourinho si riferiva a lui ma non solo: Cristante e Svilar non erano tra questi. Spinazzola per esempio non mi è piaciuto. Nel complessi gli esterni non funzionano”.

“MOURINHO DOVREBBE PROTEGGERE LA SQUADRA” –Le parole di Mourinho contro certi giocatori? Bisogna vedere come si è posto nei confronti dello spogliatoio prima di fare certe dichiarazioni. In realtà dovrebbe essere il contrario: davanti alle telecamere dovrebbe proteggere la squadra mentre nel chiuso dello spogliatoio dovrebbe farsi sentire”.

Impostazioni privacy