ESCLUSIVA | Evacuo: “Italiano perfetto a Napoli per il dopo Spalletti. Colpani? Pronto per una big”

Felice Evacuo, sia ex giocatore di Italiano che ex compagno di Colpani, ha rilasciato delle dichiarazioni ai microfoni di TvPlay.

Tra le sorprese di questo campionato bisogna inserire sicuramente Andrea Colpani. Il centrocampista, infatti, ha già segnato 6 gol quest’anno con la maglia del Monza di Raffaele Palladino, meritandosi così anche la convocazione di Luciano Spalletti per la Nazionale.

La redazione di ‘TvPlay’, proprio per conoscere meglio Simone Colpani, ha intervistato Felice Evacuo, ex compagno di squadra del calciatore del Monza ai tempi del Trapani, ma anche ex giocatore di Vincenzo Italiano.

Lei ha giocato insieme a Colpani con la maglia del Trapani, si aspettava questa sua esplosione in Serie A?

“Sta facendo un grande percorso. Non ha grandi doti fisiche, ma è un calciatore talentuoso. Ha un’intelligenza tattica fuori dal comune. E’, inoltre, un prodotto del settore giovanile dell’Atalanta. Chi proviene da lì è avanti sia dal punto di vista tecnico che tattico. Andrea è adesso uno dei migliori centrocampisti italiani del momento”.

Evacuo: “Italiano al Napoli avrebbe dato una continuità tecnica. Colpani è da centrocampo a tre”

Su Colpani, ovviamente, stanno circolando tante indiscrezioni di mercato, ma in quale big potrebbe esprimere al meglio tutte le sue qualità?

“E’ difficile da dire, ma sicuramente in una squadra che gioca con un centrocampo a tre. Non so dirti qualche big, ma lui è pronto per fare un salto qualitativo, anche se il Monza è tra i primi club in Italia”.

https://www.controcalcio.com/?p=10657&preview=true
Felice Evacuo si è soffermato anche su Colpani del Monza (LaPresse) tvplay.it

In quel Trapani c’erano anche Buongiorno e Carnesecchi, ma che squadra era?
“Eravamo forti, sì (ride, ndr). Anche Buongiorno e Carnesecchi davano segnali di poter fare un’ottima carriera e di arrivare in Nazionale”.

Al Trapani ha lavorato anche con Vincenzo Italiano, l’attuale tecnico della Fiorentina è ormai pronto per guidare un top club?

“Italiano è un fenomeno. Lui è un grandissimo allenatore. Poteva allenare una big già quest’anno, ma la Fiorentina è cresciuta tantissimo con lui. I viola hanno fatto finale di Coppa Italia e di Conference League. Firenze è già di per sé una piazza molto importante”

Italiano sarebbe stato perfetto per sostituire Spalletti al Napoli?

“Sì, perché così ci sarebbe stata una continuità tecnica. Italiano, a livello tecnico, fa giocare le proprie squadre sulla falsariga di Spalletti: 4-3-3 con gli stessi principi di gioco”

Il Parma andrà in Serie A?

“Speriamo, già l’anno scorso è stato un pizzico sfortunato. La società è stata molto brava a confermare un allenatore emergente come Fabio Pecchia. Il frutto del suo lavoro è sotto gli occhi tutti. E’ una squadra molto giovane, ma può ambire sicuramente alla promozione diretta nella massima categoria”.

Ha militato tanti anni nelle squadre campane di Serie C, cosa ne pensi del campionato di quest’anno?

“Le campane stanno andando bene. Benevento ed Avellino si giocheranno il campionato, visto che hanno le rose più forti. Mentre Casertana e Juve Stabia sono due possibili outsider. Gli stabiesi hanno creato un grande gruppo a livello motivazionale. Anche Giugliano e Sorrento stanno andando oltre alle aspettative: sono due squadre che con poco riescono a fare un buon calcio”.

Impostazioni privacy