Milan, ritorno di fiamma per Pepé? Come sta andando la sua stagione

Il Milan si sarebbe rimesso sulle tracce di un vecchio pallino come Nicolas Pepé: i numeri della stagione dell’ex attaccante dell’Arsenal.

Il mercato di gennaio è appena iniziato ma il Milan si candida a essere una delle maggiori protagoniste. I risultati sotto le aspettative e soprattutto i tantissimi infortuni stanno costringendo la società ad aprire il portafoglio per l’acquisto di nuovi giocatori. Tra questi può rientrare a sorpresa una vecchia conoscenza come Nicolas Pepé, un profilo già seguito in passato dai rossoneri e oggi tornato di moda.

In questo inizio di gennaio il Diavolo si sta concentrando in particolare sul reparto arretrato, quello più colpito dalla assenze in questi mesi infernali dal punto di vista dell’infermeria. La priorità è fornire maggiori alternative a Pioli nei ruoli più scoperti ma non è escluso che non possano arrivare rinforzi in altre zone del campo.

Per esempio i nuovi arrivati in attacco, a parte Pulisic e le ultime partite Jovic, finora hanno deluso le attese e la dirigenza starebbe sondando una serie di nomi alla luce del cattivo rendimento di Chukwueze, Okafor e Romero. Le riserve infatti non offerto le giuste garanzie e, quando sono stati chiamati in causa, si è vista una netta differenza al ribasso rispetto ai titolari.

Nicolas Pepé, il Milan ci riprova: i dettagli del possibile affare

Nella lista degli obiettivi del Milan c’è anche Nicolas Pepé, un vecchio pallino da quando giocava all’Arsenal che ha dovuto lasciare al termine della passata stagione dopo la risoluzione del suo contratto. L’esterno ivoriano però è ancora nel pieno della carriera e, anche se oggi gioca in un campionato minore, l’interesse dei rossoneri nei suoi confronti non è svanito.

Nicolas Pepé, nuovo tentativo del Milan: i suoi numeri
Stefano Pioli, allenatore del Milan (LaPresse) – TVPlay.it

Secondo quanto riportato dalla “Gazzetta dello Sport”, ci sarebbe un ritorno di fiamma sul classe ’95 che da inizio settembre si è trasferito in Turchia, precisamente al Trabzonspor con cui però fino a questo momento ha giocato poche partite. Il suo sbarco infatti è avvenuto verso metà settembre, a campionato già iniziato e prima di scendere in campo è dovuto tornare in una condizione accettabile.

Al suo arrivo, dopo aver saltato tutta la preparazione estiva, non era nella forma migliore e per guadagnarsi l’esordio ha dovuto aspettare fine ottobre. In totale, prima della partenza per la Coppa d’Africa (perché convocato dalla Costa d’Avorio), conta sette presenze, quattro da titolare, e due gol nella Super Lig. Insomma un bottino non così esaltante ma, aldilà dei numeri, evidentemente al Milan hanno ancora in testa alcune spettacolari giocate in parte messe in mostra l’anno scorso quando era in prestito al Nizza in Ligue 1.

Poi comunque l’età è un fattore a suo favore perché ha solo 28 anni ed eventualmente tutto il tempo per potersi rilanciarsi a grandi livelli dove era riuscito a lasciare il segno nelle passate stagioni prima di perdersi un po’ per strada. Un affare suggestivo, a cui in tempi non sospetti ci aveva pensato anche il Napoli, che non sarebbe nemmeno così oneroso visto la scadenza a giugno 2024 del suo contratto. Una situazione da cui il club turco, che da poco ha cambiato allenatore, vorrebbe sfruttare per monetizzare dalla sua cessione a gennaio dopo averlo ingaggiato a parametro zero e non perderlo a fine stagione alle stesse condizioni.

Impostazioni privacy