BARGIGGIA: “ALLEGRI DOVEVA METTERE YILDIZ. IL NAPOLI E’ INGUARDABILE CON MAZZARRI, LEAO SVOGLIATO E SENZA PERSONALITA'”

Paolo Bargiggia, giornalista sportivo ed esperto di mercato, è intervenuto in diretta su TVPlay: il commento su Fiorentina-Inter.

“LA FIORENTINA NON HA MERITATO DI PERDERE MA E’ TROPPO TENERA IN ATTACCO” – “In una giornata in cui l’Inter avrebbe potuto rischiare di più alla fine ne esce meglio, guadagnando punti su Juventus e Milan. La Fiorentina però ha giocato bene e non meritava di perdere. Come al solito si è dimostrato una squadra molto aperta che ti concede ma attacca tanto con il solito limite: non ha un finalizzatore, è molto tenera quando deve fare la stoccata decisiva. Dall’altra parte l’Inter comunque ha meritato di vincere, non è stata lì a farsi impallinare, quando ha attaccato ha fatto anche male poi era anche senza Calhanoglu, Barella e Di Marco rimasto in panchina ha dato una risposta alla Juve per rimarcare le distanze in classifica”.

“NON C’ERA FALLO SU LAUTARO E NEMMENO IL IL RIGORE SU CONTATTO BASTONI-RANIERI” – “Non c’era il fallo di Lautaro su Parisi ci sta che viene spostato e nemmeno il primo rigore richiesto della Fiorentina sul contatto tra Bastoni e Ranieri. L’arbitro non mi pare che stasera ha fatto cose scandalose. Non ho capito se Sommer ha preso prima il pallone o la testa di Nzola, lui è andato al VAR per vedere questa cosa e poi ha dato rigore”.

“L’INTER E’ TORNATA FAVORITA, SE BATTE LA JUVE E’ QUASI FATTA” – “L’Inter ha rimarcato quella superiorità che gli veniva data a inizio stagione, è stata messa in dubbio dopo le ultime tre partite perché deve recuperare l’Atalanta e in prospettiva dello scontro diretto. In questa giornata però una squadra reduce dagli impegni in Arabia e con qualche assenza ha portato comunque a casa tre punti. Secondo me ha dato un segnale ancora alla corsa scudetto, oggi è tornata favorita e se batte la Juve torna strafavorita come a inizio campionato”.

“ALLEGRI HA SBAGLIATO, DOVEVA METTERE PRIMA YILDIZ” – “Allegri ha delle responsabilità, ha fatto una scelta un po’ da conservatore non facendo giocare Yildiz che era in forma. E’ stato un po’ un allenatore trombone, ha detto non l’ho visto concentrato e quando è entrato ha fatto bene. Sono un po’ cose da caserma e devono essere superate. Ok non lo metti, giochi con Milik e Vlahovic la spiegazione è che dice siccome l’Empoli ci aspettava bassi, non volevamo farli ripartire impegnandoli con due attaccanti in fase difensive e ci può stare. Una volta che la Juve è andata in vantaggio però ha fatto un cambio senza senso mettendo Weah per Miretti e si è portato l’Empoli al limite dell’area, in quel momento avrebbe dovuto mettere Yildiz vicino a Vlahovic. Non avrebbe fatto arrivare l’Empoli vicino alla porta, un po’ l’ha buttata Allegri non c’è la controprova e la scusante dell’espulsione di Milik ma era una partita da vincere e Allegri ha sbagliato. Poi Milik quando era entrato in campionato aveva sempre fatto male”.

“MERCATO DEL NAPOLI SOLO PER I GIORNALI, IL GIOCO E’ INGUARDABILE CON MAZZARRI” – “Il mercato del Napoli è stato fatto solo a benefici dei giornali, nessuno all’altezza di una squadra che ha vinto lo scudetto. Adesso l’ultima involuzione di Mazzarri, squadra inguardabile, non gioca a calcio si difende e basta un passo indietro pazzesco puoi giocare anche bene avendo delle assenze come l’anno scorso Spalletti. Mi dispiace per i tifosi che sono molto avvelenati”.

“LEAO GIOCA SVOGLIATO, HA SEGNATO MENO DI JOVIC” – “Leao è il solito vorrei ma non posso. Per quello che è stato pagato, clausola da 175 milioni con l’ingaggio da 7/7,5 milioni ha fatto meno gol di Jovic che ha giocato un terzo dei minuti. Poi non si sacrifica mai, ti procuri un rigore va bene che non sei designato ma chissenefrega se ce una lista di gerarchie vai a tirarlo. Non ha personalità, uno con la maglia numero 10 del Milan non può essere un coniglio bagnato, gioca assolutamente da svogliato e Pioli lo coccola troppo nelle dichiarazioni pubbliche. In generale il Milan gioca sempre benino, attaccano tutti non rientrano mai oltre la linea della palla e soffrono contro squadre organizzate come il Bologna”.

Impostazioni privacy