Atalanta-Lazio 3-1, brutto ko per i capitolini: l’analisi di Sarri nel post-partita

Dopo la brutta sconfitta della sua Lazio contro l’Atalanta di Gian Piero Gasperini, Maurizio Sarri ha rilasciato delle dichiarazioni molto importanti.

Dopo il pareggio privo di emozioni di una settimana fa contro il Napoli di Walter Mazzarri, la Lazio è caduta rovinosamente questa sera al Gewiss Stadium contro l’Atalanta di Gian Piero Gasperini. La squadra di Maurizio Sarri, infatti, ha perso lo scontro diretto contro la ‘Dea’ con un netto 3-1. 

La Lazio, di fatto, ha davvero fornito una cattiva prestazione contro l’Atalanta, la quale è passata in vantaggio già al 16’ con la rete siglata  da Pasalic. Mentre il secondo gol atalantino è arrivato a fine primo tempo con il calcio di rigore, concesso per un fallo di mano di Marusic, realizzato da Charles De Ketelaere.

Lo stesso calciatore belga, esattamente al 76’, ha chiuso con un bel rasoterra di sinistro ogni discorso. La Lazio, di fatto, ha avuto un sussulto solo nei minuti finali con Ciro Immobile che prima si  procura e poi realizza un calcio di rigore. Con questo ko, di fatto, i biancocelesti hanno visto aumentare il proprio distacco dal quarto posto, dove c’è proprio l’Atalanta, a 5 punti. Lo stesso Maurizio Sarri non ha nascosto tutto il suo disappunto per questa sconfitta. 

Atalanta-Lazio, Maurizio Sarri: “Abbiamo incontrato una squadra che è in piena forma, non siamo stati brillanti”

Il tecnico toscano, esattamente ai microfoni ufficiali di ‘DAZN’, ha infatti rilasciato queste dichiarazioni: “Abbiamo incontrato una super Atalanta, che è in piena forma fisica e mentale. Nella prima frazione di gara abbiamo fatto fatica ad uscire, mentre nel secondo tempo abbiamo avuto tre-quattro occasioni per segnare”.

Sarri
Maurizio Sarri ha commentato il ko della sua Lazio contro l’Atalanta (LaPresse) tvplay.it

Maurizio Sarri ha poi continuato il suo intervento: “Cosa posso dire sulla corsa per quarto posto? Il campionato è ancora lunga. Se l’Atalanta dovesse continuare così allora è giusto che ci vada lei in Champions League. Non siamo stati brillanti, abbiamo fatto una grandissima fatica ad uscire dalla pressione avversaria: ci siamo riusciti soltanto nell’ultima mezz’ora della gara”.

Le dichiarazioni di Maurizio Sarri, dunque, sono terminate così: “Quando parlo di cilindrata non mi riferisco soltanto a quella fisica, ma anche a quella tecnica e mentale che sono davvero importanti come l’altra se non di più”.

Impostazioni privacy