Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

IULIANO: “LOCATELLI NON SA COSA FARE CON LA PALLA. ALLEGRI E’ UN GESTORE, NON ALLENATORE E FATICA A DARE INPUT”

Iuliano

Mark Iuliano, ex difensore della Juventus, è intervenuto in esclusiva durante la trasmissione ‘Tango’ in diretta su TvPlay.

“CAMMINO DELUDENTE DELLA JUVE, LOCATELLI NON SA COSA FARE CON LA PALLA” – “La Juventus è andata al di sopra delle proprie possibilità per diversi mesi, poi ha avuto questa flessione ma secondo me ha fatto un cammino deludente da un punto di vista fisico e mentale. Anche prima della famosa partita dell’Empoli avevo notato stanchezza mentale. Locatelli, ad esempio, non sa cosa fare con la palla, si nasconde e sembra non volersi prendere responsabilità”.

“UNA PARTITA NON CAMBIA LA STAGIONE, HO VISTO UNA JUVE POCO AGGRESSIVA” – “Non è una partita che cambia le prospettive di una stagione o di una squadra. Il gol segnato da Chiesa ieri sera contro la Lazio ha dato entusiasmo, ma dopo i primi 20 minuti abbastanza positivi del primo tempo, la squadra si è di nuovo abbassata troppo, difendendo i piazzati nell’area piccola, aspetto che non dovrebbe mai succedere, poi vedo dei difensori poco aggressivi, hanno paura di farsi saltare e questo ti porta ad abbassare continuamente la linea difensiva”. 

“RABIOT PREVEDIBILE, MCKENNIE LA SORPRESA, KOSTIC NON GIOCA MAI IN VERTICALE” – “Ci sono dei giocatori nella Juve che stanno facendo di più di quello che potrebbero, e altri meno. Rabiot è un incursore ma ultimamente aspetta solo la palla sui piedi, fa tanti tocchi. McKennie invece sta attaccando la profondità, porta superiorità numerica e sta facendo le due fasi in maniera positiva. Da Weah mi aspettavo più spunto, tocca tre palloni a partita e fa molta confusione. Cambiaso ci mette grande volontà ed è quello che crea più pericoli alle difese avversarie, ma viene sempre sostituito al 70esimo. Kostic non gioca mai in verticale”. 

“ALLEGRI E’ UN GESTORE, SE ALLA PRIMA DIFFICOLTA’ I GIOCATORI HANNO PAURA NON SONO DA JUVE” – “In questa Juve c’è un grosso problema di personalità e mentalità. Allegri ha vinto tantissimo e va rispettato, ma per me è più un gestore che un allenatore, perché quando deve dare degli input fa fatica. Io non posso difendere dei concetti che non sono da grande squadra. In bianconero le aspettative sono altissime e quando prendi dei calciatori bisogna accertarsi che prima siano uomini. Se alla prima difficoltà hanno paura io credo che ci siano tanti problemi. Allegri fu mandato via con una squadra straordinaria ed è stato ripreso con una formazione molto più debole, con l’aspettativa di giocare un calcio divertente”. 

“GLI OBIETTIVI ATTUALI DELLA JUVE NON BASTANO PIU’ AI TIFOSI” – “La speranza è che la Juve vinca un trofeo e arrivi in Champions. Allegri ha un grande potere all’interno della società, ma all’ambiente non sta piacendo come arrivano i risultati e arrivare a questi obiettivi non basta più. Il Bologna è una squadra che se arriva in Champions fa un miracolo sportivo, alla Juventus queste cose non succedono, non ci sono miracoli sportivi, perché è una squadra che deve partire ogni stagione col presupposto di vincere qualcosa. I tifosi non sono più convinti che in queste modalità la squadra possa tornare a vincere”.

dirette costanti ogni giorno da tutto il mondo

TvPlay.it proprietà di WEB 365 Srl – Piazza Tarquinia 5 – 00183 Roma RM – P.Iva IT12279101005 – redazione@tvplay.it
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma con numero 62/2023 del 17/04/2023

Impostazioni privacy