Gamba a TvPlay: “Mondiale opportunità per il Qatar. Ronaldo, ecco cosa sta succedendo col Portogallo”

Gamba a TvPlay: “Mondiale opportunità per il Qatar. Ronaldo, ecco cosa sta succedendo col Portogallo”

Emanuele Gamba, giornalista di Repubblica, è intervenuto direttamente dal Qatar ai microfoni di calciomercato.it su Twitch TvPlay

Dal Mondiale in Qatar ai destini opposti di Leo Messi e Cristiano Ronaldo: il giornalista di Repubblica Emanuele Gamba è intervenuto ai microfoni di calciomercato.it su Twitch TvPlay. Queste le sue parole:

gamba 08122022 tvplay

SUL MONDIALE IN QATAR – “Al di là di tutte le questioni che sappiamo, il mondiale farà bene al Qatar. Proprio a livello di apertura. Può rappresentare una opportunità”

SU MESSI – “E’ un leader, trascinatore. Sta riuscendo a portarsi dietro tutta la squadra. E’ una squadra non all’altezza di altre, Francia, Brasile ma neanche Portogallo. Ma lui è il leader che sta portando l’Argentina moralmente a fare un passo in più. Con l’Olanda partita equilibrata. Io metterei un euro sull’Olanda, poi vedremo”

SU RONALDO – “So che lui si è arrabbiato quando ha saputo dell’esclusione. Avrebbe minacciato di andarsene, poi Santos lo ha convinto a rimanere. Santos con Ronaldo ha un rapporto paternalistico, si vogliono bene. E’ riuscito a calmarlo. Connessione tra Santos e lo spogliatoio. Gli ha spiegato che lui può essere più utile a fine partita che non dall’inizio. Non so se lo ha convinto ma lo ha calmato. Gli atteggiamenti pubblici sono quelli giusti, nessuno ha detto parole di troppo. A livello mediatico il Portogallo è spaccato, tra chi dice che si è liberato di un peso e chi avrebbe preferito perdere pur di avere Ronaldo. Il sospetto è che Ronaldo stia lavorando con il suo impero mediatico sottotraccia per difendere la sua persona. La squadra ha avuto sollievo. Ronaldo ha uno stile diverso da quello del Portogallo ormai. Sino a poco tempo fa aveva senso modellare su di lui, ora non è più di lui. Avrebbe dovuto un po’ modellarsi lui. Quando ha toccato la bravura di Ramos ha capito che era il pezzo mancante della squadra e lo spogliatoio ha caldeggiato. Ronaldo ha fatto anche il ragionamento che può vincere il mondiale, e tra 20 anni nessuno si ricorderà che lo ha fatto da riserva”

Gestione cookie