BIASIN: “MANCINI MI SEMBRA STUFO DELL’ITALIA. NUOVO CT? VI DICO CHI VORREI…”

Fabrizio Biasin, giornalista, è intervenuto ai microfoni di TVPLAY_CMIT.

Retegui Biasin tvplay 27 marzo 2023
Mateo Retegui con la maglia dell’Italia (Ansa Foto)

“VEDREI BENE ALLEGRI COME CT” – “Il miglior ct possibile lo abbiamo, che però in questo momento è impegnato, secondo me Massimiliano Allegri sarebbe perfetto per fare il ct. Secondo me sarebbe bravo a gestire le risorse e una nazionale non deve per forza giocare bene a calcio. Anche Mourinho sarebbe un buon nome”.

“RETEGUI MI È ANCORA DI DIFFICILE COMPRENSIONE” – “Non capisco perché si debba raccontare che l’Inter è su Retegui quando qualunque squadra italiana è stata accostata a lui. L’Inter può seguire Retegui come altri 70 attaccanti, ma non è perché ci siano movimenti in vista, ma perché è normale osservare giocatori. Poi bisogna vedere che co sti ha, se è italiano, straniero, come si inserirebbe. Se poi con il Boca si può fare un qualche affare vedremo. In questo momento secondo me fa comodo ricamare alla stampa nazionale su un ragazzo  che fino a poco tempo fa non conosceva nessuno. Retegui mi è di difficile comprensione ancora, un film che potrebbe essere molto molto bello, ma io fatico ancora a comprenderlo”.

“ABBIAMO FATTO IL SOLLETICO A MALTA” – “Al di là della valutazione su Retegui, il giudizio sulla gara di ieri va fatto sulla nostra nazionale che ha affrontato una squadra di media Serie C se giocasse da noi. Abbiamo fatto il solletico a Malta, la partita è stata un po’ inguardabile dal mio punto di vista”.

“MANCINI MI SEMBRA STUFO DELLA NAZIONALE” – “Ci sono due cose da dire. La prima è che è impossibile non qualificarsi agli Europei, quindi abbiamo tempo per riassestarci. Ci sono 24 qualificate, è complicato pensare di non farcela. Possiamo rimetterci a posto e confido si riesca a fare un po’ di più rispetto a quest’ultimo anno, che è stato più che tecnicamente scadente e a me non piace il cattivo umore di Mancini. Una volta aveva bisogno della nazionale, prima era entusiasta, ora mi sembra stufo, spero di sbagliarmi. Con Mancini anche in futuro? Bisognava probabilmente farsela l’anno scorso questa domanda. Secondo me è un discorso senza tempo, agli Europei ci va, ne riparliamo al massimo dopo l’Europeo, esonerare Mancini vorrebbe dire dimettersi da parte del presidente federale, cosa che non mi sembra intenzionato a fare”.

Impostazioni privacy