Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Leao come Mbappè? C’è solo una cosa che li divide

Mbappé e Leao

Cosa manca a Rafa Leao per raggiungere il livello di Kylian Mbappé? Ne parla Giroud, il quale non vede così tante differenze tra i due…

Quanta strada deve fare Rafa Leao per arrivare ai livelli di Kylian Mbappé? Ebbene, il portoghese ha dimostrato quest’anno di poter essere davvero determinante in campo quando è in gran forma. La stagione che sta per cominciare dovrà essere quella della consacrazione, quella delle conferme. Quella che può portare anche ad una cessione importante, magari verso la Premier League o Liga, nonostante il rinnovo appena firmato con il Milan.

Mbappé e Leao
La differenza tra Mbappé e Leao (TvPlay.it)

Le due bacheche parlano chiaro. L’attaccante del PSG ha vinto tanti, tantissimi trofei in più. Oltretutto, pesa sul confronto la vittoria del Mondiale in Russia, nonché l’argento in Qatar contro l’Argentina. Insomma, alle prime due rassegne iridate Mbappé ha fatto sempre percorso netto alla finale e al momento ha conquistato un primo e un secondo posto.

Secondo un amico e compagno di squadra di Leao, però, le differenze con il transalpino non sono così tante. C’è un particolare che li divide e su cui Leao deve lavorare per arrivare a livello di Mbappé.

Giroud su Leao: “Per arrivare a Mbappé deve migliorare i numeri”

Dal ritiro del Milan, ai microfoni di DAZN, Olivier Giroud parla dei suoi due compagni. Il centravanti rossonero conosce molto bene Leao e Mbappé e in particolare sa che l’ala portoghese può giocare a livelli molto alti. La rapidità, il dribbling, la facilità nel saltare l’avversario, sono tutte caratteristiche che fanno del nuovo numero 10 rossonero uno dei migliori della Serie A e di tutta Europa. D’altra parte, però, Mbappé è letale sotto porta.

Olivier Giroud attaccante Milan
Olivier Giroud parla di Leao (ANSA) – TvPlay.it

Infatti, secondo Giroud la vera differenza tra i due sta nei gol segnati: “Non dico che Rafa è allo stesso livello di mbappé altrimenti lo perdiamo – ride Olivier davanti alle telecamere – Lui ha qualità eccezionali. Ha ancora uno step da fare, può arrivare quasi allo stesso livello di Mbappé. Deve migliorare le sue statistiche, ma il potenziale c’è”.

In effetti, Leao non ha nei suoi piedi tantissimi gol. Nelle ultime due stagioni ha siglato 16 e 14 reti, dimostrando una buona confidenza sotto porta, ma non da vero bomber. Certo, il ruolo è diverso rispetto a quello ricoperto finora da Kylian Mbappé al PSG. Ma oramai il classe 1998 sembra viaggiare su altre orbite. Sono ben 7 stagioni di fila che supera i 25 gol a stagione, considerando tutte le competizioni. Numeri spaventosi. Nell’ultimo triennio ha firmato 122 marcature. Una media di 40 gol all’anno. Insomma, arrivare a certe cifre è davvero difficile. Soprattutto giocando in un campionato italiano, dove non è sempre facile superare le difese rocciose delle squadre “minori”.

Gestione cookie