Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Roma, tensione nella Capitale: lo striscione contro Lukaku (FOTO)

Romelu Lukaku, Roma. (ansa-tvplay)

La pausa per le nazionali non calma le tensioni dei tifosi di Serie A e a Roma compare uno striscione di insulti contro Romelu Lukaku.

Il campionato si prende una piccola pausa dopo i primi tre turni, tra chi si gode un’ottima partenza, chi ha aggiustato il tiro e chi prova a rimettere insieme i cocci. La big più in difficoltà è senza dubbio la Roma e José Mourinho spera nel pronto recupero dei suoi uomini migliori, chi da infortuni o acciacchi e chi semplicemente per trovare il ritmo partita, come l’ultimo arrivato Romelu Lukaku.

Le ultime notizie sul centravanti belga erano anche molto incoraggianti per l’ambiente romanista. I tifosi giallorossi infatti hanno trovato decisamente incoraggiante il video, ben presto diventato virale, del gran gol messo a segno in allenamento da Big Rom in ritiro con la sua nazionale.

Tuttavia quest’oggi la notizia del giorno arriva come una nube oscura e un presagio di possibili tensioni future. Nonostante non contenga minacce dirette, ha fatto parlare molto di sé lo striscione apparso a Roma vicino allo stadio Olimpico, che riporta a lettere cubitali la scritta “Lukaku infame” la firma però non è ovviamente dei tifosi della Roma. La sigla CN69, oltre al fatto che le lettere sono in alternanza azzurre e nere, non lasciano dubbi su chi sia l’autore del gesto. Del resto la stessa Curva Nord 69, nucleo del tifo interista, ha rivendicato il gesto condividendo la foto dello striscione sul proprio profilo instagram.

Lukaku e i tifosi dell’Inter

Sebbene l’aspetto “migliore” della faccenda sia che lo striscione, per quanto non sia di certo tenero, non contenga però di fatto minacce, ci si domanda se i tifosi interisti che sono andati ad attaccarlo abbiano intrapreso appositamente una trasferta da Milano a Roma.

Striscione contro Lukaku a Roma, (screenshot Instagram - tvplay)
Striscione contro Lukaku a Roma, (screenshot Instagram – tvplay)

Quasi 600 km per apporre uno striscione intimidatorio, per giunta mentre durante la pausa per le nazionali, quindi col giocatore fuori città? Di gesti stupidi i tifosi ne fanno tanti, ma questo sembra davvero anche troppo per una tifoseria che negli anni si è distinta per gesta diversamente epiche come il lancio di un motorino dagli spalti, ma questa è un’altra storia.

Sicuramente più plausibile che sia stata una sezione romana della curva nord nerazzurra, oppure una cortesia degli amici laziali? Chissà… Quel che è certo è che la storia d’amore perduto, ritrovato e poi definitivamente estinto tra Lukaku e i tifosi dell’Inter sarà uno dei motivi che creeranno più attesa per la sfida tra Inter e Roma a San Siro a fine ottobre.

Gestione cookie