Milan-Juventus, tra conferme e sorprese: perché il match di San Siro sarà un crocevia stagionale

La partita in programma domani sera potrà rivelare tanto sugli obiettivi stagionali delle due big del nostro calcio: l’analisi. 

Una serata che può rivelare conferme e possibili sorprese. La partita tra Milan e Juventus, in programma domani sera a San Siro, sarà il più classico dei big match, ma dal sapore ulteriormente speciale. Sì perché pur essendo soltanto all’inizio della stagione, cominciano a delinearsi obiettivi e probabili traguardi. Tutto può cambiare in poco tempo, è vero, ma diversi indizi possono svelare le prime certezze. La formazione di Stefano Pioli arriva alla partita forte del primato in classifica, con unico stop risalente al derby di Milano contro l’Inter.

La Juventus, invece, nonostante i tanti problemi extra campo e un mercato, quello estivo, che non ha praticamente portato a movimenti, se non l’innesto di Weah, sta pian piano stupendo tutti. Il tanto criticato Allegri, pur non mettendo in campo un gioco particolarmente esaltante, ha ritrovato fin da subito quella solidità necessaria per restare nelle posizioni più nobili del nostro campionato. Le recenti uscite raccontano di tre risultati utili consecutivi, tra l’altro mantenendo la porta inviolata. Lo scivolone di Reggio Emilia con il Sassuolo sembra ormai acqua passata e i bianconeri puntano a confermarsi.

Milan-Juventus, le conferme di Pioli e i sogni di Allegri

Calcio di ottobre? Sì, ma fino a un certo punto. Milan-Juventus resta una partita di autentico spessore e mai come negli ultimi anni rappresenterà un crocevia fondamentale per capire le ambizioni delle due formazioni. Sì perché i rossoneri sono partiti molto bene e hanno l’obiettivo dichiarato di puntare allo scudetto, dopo un paio di stagioni fatte di troppi alti e bassi. Ma la vera sorpresa potrebbe arrivare dalla Juventus. Max Allegri sta ripetendo da tempo che la sua squadra dovrà essere brava a posizionarsi tra le prime quattro, centrando assolutamente il ritorno in Champions League, sia per prestigio sia per gli importanti introiti derivanti dalla partecipazione alla principale competizione europea.

San Siro
Lo stadio San Siro, teatro del match tra Milan e Juventus – TvPlay.it

Eppure, col passare delle settimane e delle partite, nelle parole di Allegri sembrano aprirsi nuovi scenari. La Vecchia Signora è infatti attualmente terza in classifica a quattro punti di distacco dalla vetta. E’ chiaro, quindi, che se domani dovesse uscire col bottino pieno da San Siro, la parola scudetto potrebbe tornare prepotentemente d’attualità nei corridoi della Continassa. Max, sotto sotto, ci spera e punta a sfruttare il mancato impegno europeo per rosicchiare punti ed energie alle dirette concorrenti. A Torino il profilo resta molto basso, con il ritorno in Champions che resta l’obiettivo dichiarato, ma con questo trend positivo e la possibilità di vincere lo scontro diretto con il Milan allora tutto potrebbe cambiare.

Impostazioni privacy