Inter contro Juventus: la lotta scudetto passa dalle difese

Inter e Juventus si contendono lo scudetto e per farlo fanno leva soprattutto su un fattore fondamentale che è la difesa.

Ci sono voluti tre anni ma finalmente Inter e Juventus si contendono di nuovo lo scudetto. Due tra i più grandi club d’Italia hanno ripreso a sfidarsi per il titolo. Con armi proprie, leggermente diverse o forse più uguali di quanto si possa immaginare. Al di là di tutto, quello che balza agli occhi sono i soli 6 gol subiti da entrambe le compagini nelle prime 11 giornate di campionato. Un dato che fa capire chiaramente su quale aspetto puntano entrambi gli allenatori.

Una difesa coriacea per poi far male in attacco. Certo, il confronto in avanti è differente visto che c’è un divario di 10 reti tra Inter e Juve e questo è dipeso unicamente dallo stile di gioco differente delle due squadre e non dal sistema che, in molti casi, è lo stesso. Difatti, entrambe le squadre adottano un 3-5-2, dimostrando una certa solidità difensiva che finora ha consentito ad ambedue di guadagnare il primo ed il secondo posto in campionato.

Inter contro Juve: fattore difesa

Indubbiamente, per quanto sia la squadra di Simone Inzaghi che quella di Massimiliano Allegri partano con un 3-5-2, in fase di non possesso palla cambiano di molto la loro disposizione in campo. Come giustamente fa notare la ‘Gazzetta dello Sport’, la squadra nerazzurra in situazioni del genere cerca di chiudere maggiormente gli spazi centrali, facendo in modo che tutto il gioco si sposti principalmente sulle fasce. Si vanno a creare così due linee da 4, andando così a dare maggiore solidità a reparto difensivo.

Inter
Juventus pronta ad insediare l’Inter per il titolo (La presse, TVPlay)

Discorso diverso per il bianconeri che, in fase di non possesso palla è abituata ad abbassare di molto il suo baricentro visto che i suoi difensori non amano avare molto spazio alle loro spalle. A questo si va ad aggiungere il fatto che si crea una difesa a 5 a tutti gli effetti, con i tre difensori centrali che hanno il compito di coprire principalmente la zona centrale. In loro supporto, vi sono i centrocampisti centrali, pronti ad intervenire con raddoppi e ad innescare le successive ripartenze.

Dunque, due modalità diverse di difendersi che per ora ha prodotto però lo stesso risultato e potrebbe consentire ad entrambe di lottare fino alla fine per lo scudetto.

Impostazioni privacy