Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LO MONACO: “PSG FAVORITO STASERA, MI ASPETTAVO DI PIÙ DAL MILAN. MOURINHO? LA ROMA NON ESPRIME NULLA”

Lo Monaco sul Milan

Pietro Lo Monaco, direttore sportivo, è intervenuto nel corso della diretta su TvPlay.

“PSG FAVORITO STASERA, MI ASPETTAVO DI PIU’ DAL MILAN” – “Sulla carta la partita è a favore del Paris Saint Germain, il Milan non vive un buon momento. Mi aspettavo qualcosa in più dai rossoneri, ha avuto tanti problemi e non si è espresso per come mi sarei aspettato. Il PSG è la solita corazzata. Ha perso alcuni calciatori, ma ha un allenatore che la fa giocare come si deve. E’ sempre tra le più forti d’Europa”.

“TUTTI CHIEDONO LA TESTA DI PIOLI, MOURINHO TRAPAGATO E SOSTENUTO DA TUTTI” – “L’ambiente rossonero chiede la testa di Pioli ad ogni risultato negativo. A Roma c’è un tecnico strapagato, con una buona squadra e che non esprime assolutamente nulla, che però ha il sostegno di tutto l’ambiente. Se Pioli lo vuoi giudicare da una o due partite, vuol dire che non abbiamo capito nulla. Al Milan ha fatto bene con una buona squadra ma che non può ad ambire ad essere la prima della classe. Dopo un successo subentra un po’ di appagamento naturale. Tanti dimenticano anche la situazione economica del club quattro anni fa. Era primissima, ora ci sono Inter, Juventus e Roma”.

“MILAN NON ALL’ALTEZZA DELLE GRANDI IN DIFESA” – “Il Milan è una delle società più indebitate della Serie A. Quando è stata affidata la guida tecnica a Maldini, Massara e Pioli, la squadra era in condizioni critiche. Hanno fatto una politica di rientro intelligente puntando su giocatori a costi contenuti. Hanno vinto uno Scudetto e c’è il merito della società e del tecnico. Il Milan di oggi, dal centrocampo in su, se tutti si esprimono al top è una squadra davvero importante. Dietro invece non è all’altezza delle grandi d’Europa. E’ competitiva per lo Scudetto con Inter, Juventus e Napoli. Pioli ha fatto un buon lavoro, è diventata una moda criticarla. Ci sono 50 milioni di allenatori, tutti sanno come risolvere i problemi”.

“RIGORE IN FIORENTINA-JUVE? PARERE SOGGETTIVO, PERDIAMO TEMPO” – “Contatto in Fiorentina-Juventus? Perdiamo ore a parlare di cose che nulla hanno a che vedere con il calcio. Andare a fare minuti interi parlando di cose soggettive e legate al momento… Non è stato rivelato niente e non ha cambiato nulla. La Fiorentina ha chiuso la Juve in area di rigore e la Juve si è difesa di settore”.

“LA LAZIO PUO’ FAR BENE CONTRO IL FEYENOORD” – “Anche se nel match d’andata il Feyenoord ha vinto, credo che questa sera la Lazio possa fare una grande gara contro gli olandesi”.

“LA LAZIO HA TANTI ‘PEZZOTTI’, SARRI HA FATTO IL MASSIMO” – “Sarri è un buon allenatore, fa giocare bene le sue squadre. Tanto di cappello al suo lavoro degli ultimi anni, riesce a far esprimere le proprie squadre sempre su ottimi livelli. Poi dipende dal materiale umano a disposizione. La Lazio ha tanti “pezzotti”. Lazzari nasce esterno destro alto ed ora fa il terzino, a sinistra idem con Marusic. Cataldi è una mezzala ed ora fa il regista. Per le ambizioni che ha e per il piazzamento fatto, avrebbe potuto prendere giocatori di ruolo. Alcune lacune non sono mai state colmate. Per fortuna è arrivato Castellanos che riesce a sostituire Immobile, che l’anno scorso mancava”.

“KAMADA HA DELUSO, GUENDOUZI NON A LIVELLO DI MILINKOVIC” – “Rovella sta facendo molto bene, mentre Kamada non ha mantenuto le aspettative che c’erano su di lui. Guendouzi è un buon giocatore, ma non mi sembra che abbia una grande capacità di incidere. Al suo posto c’era Milinkovic-Savic, che faceva la differenza, come contributo al gioco ed a livello realizzativo”.

“MILAN? SE PROGRAMMI BENE PRENDI UN GIOVANE BOMBER” – “Il Milan ha provato a risolvere il problema del centravanti con Origi, purtroppo hanno sbagliato. Se programmi bene, cerchi un profilo giovane che metti alle spalle di Giroud. Sta mancando anche Chukwueze. Ha buone potenzialità ma non ha fatto vedere nulla. Lo ricordo che giocava in coppia con Osimhen ed all’epoca puntavano tutti su di lui. Poi Osimhen è riuscito a fare cose impressionanti, mentre l’altro si è perso per strada”.

Gestione cookie