Mourinho “contro” Mercenaro: la mossa della FIGC spiazza tutti

Il tecnico della Roma ha ancora una volta sferrato un attacco duro nei confronti di un arbitro, ma stavolta prima della gara

Parole Special secondo i tifosi, molto meno Special per la Federcalcio. Ma di gran lunga. Stavolta Mou l’ha fatta davvero grossa. E rischia tantissimo anzi, la parola “rischio” è quasi un eufemismo in questa circostanza perché, appena terminata la conferenza stampa del tecnico portoghese, esaminati i filmati e soprattutto ascoltato l’audio incriminato, dagli uffici della Procura Federale sono sobbalzati dalle sedie, quasi non ci volevano credere che avesse detto quelle parole, talmente gravi che è stata subito aperta un’inchiesta. Da via Allegri i muri rimbombavano per quanto erano furiosi gli ispettori e gli stessi legali della Federcalcio.

Non si può, non si possono dire certe cose, a maggior ragione prima di una gara di campionato, ma stiamo scherzando?“, sbottavano da più parti diverse persone che lavorano ogni giorno in quegli uffici. Il paradosso è che a qualcuno di questi, Mou non sta nemmeno antipatico, ma così è troppo. Dire “mi preoccupa l’arbitro” riferito a Mercenaro che dirigerà Sassuolo-Roma e aggiungere “non mi lascia tranquillo nemmeno il profilo di chi è al Var“, riferito a Di Bello, significa, in parole povere, e tradotto dal linguaggio della Procura Federale, mettere in seria discussione la regolarità del campionato. E queste parole e questo pensiero prima della gara in questione, da via Allegri è ritenuto gravissimo. Se poi quelle frasi sono state pronunciate senza malizia, allora è ancora peggio.

Mourinho stavolta potrebbe avere una squalifica lunga e pesante. E una maxi-multa

Passi, ma neanche tanto la frase su Berardi, giudicata di cattivo gusto, quelle sugli arbitri non si possono accettare. Almeno è il pensiero comune che circolava a via Allegri e in maniera insistente. Per non parlare dei vertici dell’Aia, con i telefonini che nel tardo pomeriggio non facevano che squillare da una parte e dall’altra. Pare che anche il presidente Gravina sia stato intercettato e furibondo per quello che aveva detto il tecnico della Roma. Con quelle frasi ha messo seriamente in dubbio la professionalità dell’arbitro Mercenaro che adesso chissà con quale spirito e con quale pressione dirigerà la sfida tra Sassuolo e Roma. Per non parlare di Di Bello che, qualora ci dovesse essere un episodio sul Var, che succederà?

Mourinho squalifica in arrivo
Il tecnico della Roma José Mourinho (Tvplay.it)

Mourinho sembra essere tornato quello delle manette. O meglio vorrebbe creare quel tipo di atmosfera lì e, purtroppo per lui, quel tipo di atmosfera lì avrà, ma la sensazione è che ci saranno pene ben più pensati e dure, durissime. Già perché con quelle frasi, almeno secondo la Procura della Figc e di tutti i legali che lavorano a via Allegri, lo Special One, avrebbe violato diversi articoli delle Noif, quelli tra i più importanti e classici, ovvero il 4 e 23 del Codice di Giustizia Sportiva, che parlano di “lealtà, correttezza e probità” dei tesserati per non parlare delle “dichiarazioni lesive“. Per la Federcalcio ha messo in dubbio la regolarità del campionato e dovrà spiegare e renderne conto. Verrà convocato a breve, forse sospeso e probabilmente convocato in Procura già in settimana. Rischia inoltre una maxi-squalifica e una super multa che potrebbero arrivare anche a 100 mila euro. Stavolta sarà dura difenderlo per la Roma anzi sarà curioso vedere come si comporteranno i Friedkin. Molto curioso.

Impostazioni privacy