Prestito negato, servono i soldi: la Juve è nei guai

Allegri trema: adesso il super colpo previsto per gennaio può sfumare, serve un’offerta cash per portarlo alla Juventus

Nel mese di gennaio il lavoro di Cristiano Giuntoli si focalizzerà, inevitabilmente, sul rinforzare un reparto in particolare. Si parla ovviamente del centrocampo, falcidiato da eventi e sfortune che hanno reso quasi impossibile ad Allegri la scelta dei suoi pochi uomini a disposizione. Il tecnico di Livorno dovrà rinunciare praticamente per tutto l’arco della stagione a Paul Pogba e Nicolò Fagioli, pedine fondamentale frenate dalla lunga squalifica recentemente incassata.

Un discorso che potrebbe, nel lungo periodo, abbracciare anche Adrien Rabiot. Il talento francese, pupillo di Allegri, è in scadenza il 30 giugno 2024 e nonostante le voci su un potenziale rinnovo con la Juventus, la possibilità che lasci Torino a parametro zero sono sempre più elevate. Per tale ragione occhio alle entrate nel mese di gennaio in quella posizione: presumibilmente 1-2 profili di grande esperienza internazionale. Giuntoli, che ha abbracciato il progetto Juventus solo la scorsa estate, è quindi chiamato ad un lavoro particolarmente intenso.

La sua fitta agenda è ricca di profili che sarebbero perfetti per la mediana bianconera. Lazar Samardzic dell’Udinese è uno di questi, ma non è il solo. In Premier League piacciono tantissimo Thomas Partey dell’Arsenal e Kalvin Phillips del Manchester City.

Niente più prestito: Juve, si complica il centrocampista

Il primo, già vicino alla Juve in estate, è ormai finito tra le riserve di Arteta non mettendo ormai più piede in campo. Un discorso molto simile per l’ex Leeds, visto che Guardiola non gli ha concesso oltre una manciata di minuti in questa stagione. Ma per i bianconeri molto presto potrebbero arrivare pessime notizie.

Hojbjerg beffa Juve
Niente prestito per la Juve: che beffa (Ansa Foto) – Tvplay

Al centro delle indiscrezioni vi è un altro sogno di mercato, forse il più vivido, per il quale le condizioni appaiono adesso decisamente più proibitive. Stando a quanto viene riferito da ‘Fichajes.net’, il Tottenham non avrebbe la minima intenzione di cedere Pierre-Emile Hojbjerg in prestito. Il nazionale danese, pur essendo stato chiuso da Sarr e Bissouma, si è comunque ritagliato uno spazio importante seppur da riserva. Adesso con l’infortunio di Bentancur già pareva difficilissima una cessione dell’ex Bayern nel mese di gennaio.

Adesso gli ‘Spurs’ appaiono definitivamente contrari al prestito di Hojbjerg, una formula per la quale Giuntoli – non avendo un grosso budget a disposizione per gennaio – ha sempre spinto. La scorsa estate gli inglesi hanno chiesto circa 35 milioni per il suo cartellino e ogni discorso, sempre a titolo definitivo, potrebbe essere affrontato durante l’estate 2024. Sembra dunque che la pista Hojbjerg, seppur ancora in piedi, si sia complicata parecchio per la dirigenza bianconera.

Impostazioni privacy