Mai successo, la squadra di Pelè va in B, i tifosi in rivolta [VIDEO]

Per la prima volta nella sua storia il glorioso Santos dove ha giocato O’Rey e anche Neymar retrocede

Una disperazione che non ha eguali. Una delle squadre più famose del Brasile e del mondo che perde in casa, la gara e soprattutto la faccia e va diretta nella serie B brasiliano. Una delusione cocente per i giocatori, ma soprattutto per i tifosi che non hanno preso bene questo risultato. Tutt’altro. Basti pensare che alla fine della gara e a verdetto ottenuto sul campo, è accaduto il delirio, con tanti tifosi che hanno cominciato a tirare di tutto e a inveire contro i loro beniamini o forse è meglio dire e “ex” beniamini. E’ la fine che ha fatto il Santos, la squadra dove è nato e ha giocato Pelè, ma anche Neymar e tanti altri campioni del Brasile.

Alla fine della gara è scoppiata il finimondo. Il terreno di gioco completamente rovinato e distrutto per via delle bruciature dovute al lancio di petardi e di bombe carta a seguito della partita persa contro il Fortaleza che ha sancito la prima storica retrocessione del club. Non è stato facie raggiungere un simile risultato, anche perché il Santos aveva la possibilità di vincere e non veder accadere nulla, ma lo sport e il calcio in questo caso è stato impietoso. La retrocessione dei bianconeri arriva a seguito di una stagione finita al 17esimo posto. e con una sconfitta tra le mura amiche al sapore di beffa.

Una sconfitta amara che fa scattare la rabbia dei tifosi

 

Era una partita importante per la squadra del Santos. Una di quelle che non bisogna perdere, e invece è successo. Pensare che il modesto Fortaleza era un avversario alla portata del club di San Paolo che come obiettivo aveva quello di vincere e di restare nella massima serie. Aveva anche la possibilità di giocare in casa, davanti ai propri tifosi e, probabilmente, la beffa finale più atroce è stata proprio quella. Il Fortaleza si è portato in vantaggio al 39′ e a mezzora dalla fine è arrivato il pareggio del Santos, ma la beffa era dietro l’angolo, con gli ultimi istanti della gara che sono stati vissuti dai giocatori e dai tifosi con troppa apprensione. Una palla recuperata a metà campo e Lucero ha battuto l’estremo difensoredel Santos con un goal dalla lunghissima distanza al 95′. E da lì a poco, oltre alla beffa della retrocessione, si è scatenato il finimondo

Impostazioni privacy