Superlega contro Uefa, svolta epocale: come cambia il calcio dal 21 dicembre

Il confronto finale da cui dipendono le sorti del calcio è fissato, comunque vada tutto dopo il 21 dicembre sarà diverso da com’era.

Qualche anno fa c’è stata una data che aveva terrorizzato tutti. Il 21 dicembre. Eravamo nel 2012 e per quella data c’era chi si attendeva nientemeno che la fine del mondo, nel senso proprio di apocalisse. Tutto frutto di un malinteso con il calendario dei Maya, visto che siamo qui a ricordarlo e riderci su.

Questa data però torna ad essere ricorrente e a suo modo potrebbe rappresentare ancora una sorta di fine del mondo. Sarebbe una fine del mondo non definitiva, perché coinciderebbe con la nascita di qualcosa di differente, in qualunque modo vada. Il mondo in questione è quello del calcio, che nella suddetta data vedrà affrontarsi di fronte alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea UEFA e FIFA nella causa intentata dal soggetto Super League nei loro confronti sulla questione della legittimità o meno del loro monopolio sul calcio professionistico.

La Corte quindi dovrà decidere se confermare o meno quanto sostenuto da Athanasios Rantos, procuratore generale della Corte di Giustizia dell’Unione Europea, quando lo scorso 15 dicembre 2022, aveva decretato che UEFA e FIFA non abusarono della loro posizione dominante bloccando la Superlega con la minaccia di sanzioni.

UEFA e FIFA contro Super League, che succede ora

Il motivo per cui la decisione che verrà presa tra 9 giorni è cruciale è perché qualsiasi essa sia segnerà definitivamente il futuro del calcio in un modo o in un altro.  Si tratterà infatti di dare una direzione, che potrà essere il mantenimento dello status quo, ma anche affermare che UEFA e FIFA sono inattaccabili e indiscutibili, oppure l’opposto, ovvero che la Super League diventa possibile e a a quel punto ognuno diventa libero di creare una lega parallela, senza che le stesse UEFA o FIFA possano opporsi o rivalersi in alcun modo.

Superlega, quando ci sarà il dentro o fuori
Florentino Perez, presidente della Superlega (LaPresse) – TVPlay.it

Lo scontro finale avrà inizio dalle ore 9:30 della mattina e qualora la Super League potesse rivelarsi possibile con l’impedimento nei confronti di UEFA e FIFA di sanzionare club e atleti, il torneo potrebbe vedere la luce tecnicamente già dalla stagione 2024-25, anche se come tempistiche è molto più verosimile ipotizzare che si tratti della stagione successiva, quindi 2025-26.

Inoltre nessuno potrebbe impedire ai calciatori che giocano in club facenti parte della Superlega di essere convocati dalle rispettive nazionali per disputare Mondiali, Europei e quant’altro.

Impostazioni privacy