FIORE: “GLI ATTACCANTI DI MOURINHO NON SEGNANO TANTO. FRASI DI SARRI DESTABILIZZANO LA LAZIO”

L’ex centrocampista della Nazionale italiana Stefano Fiore è intervenuto in diretta su TvPlay

“BONUCCI ALLA ROMA? TATTICAMENTE CI SIAMO” –Bonucci alla Roma per sei mesi è una scelta sicura. Al di là dei problemi che sta incontrando in Germania, dove si gioca un calcio non molto adatto a lui, rimane un giocatore di esperienza che per come Mourinho intende impostare la difesa andrà a sostituire Smalling che occupava il suo stesso ruolo. È ovvio che si tratta di una soluzione temporanea non proiettata al futuro. Se non si trova di meglio è una soluzione che tatticamente non mi dispiace, va a colmare una lacuna ben precisa. Con Mancini a fianco si ricrea una coppia molto simile a quella che Bonucci formava nella Juve con Chiellini. Mancherebbe però un Barzagli, il più bravo di tutti“.

“MKHITARYAN GIOCATORE INTELLIGENTE” –Mkhitaryan è un giocatore molto riservato, è un giocatore molto intelligente e nelle squadre in cui è andato ha lasciato sempre il segno. Non ruba l’occhio ma nell’economia di una squadra è un giocatore fondamentale“.

“BOLOGNA FORTE COME LA FIORENTINA” –Il Bologna ha sorpreso tutti perché con dei buonissimi giocatori stanno facendo cose eccezionali, hanno un centravanti fantastico, Zirkzee diventerà un campione. È una squadra costruita con acume e intelligenza da un dirigente del livello di Giovanni Sartori. La differenza con la Fiorentina è minima“.

“GLI ATTACCANTI CON MOURINHO SEGNANO POCO” –Gli attaccanti con Mourinho segnano poco? Con lui non hanno mai fatto tantissimi gol soprattutto dopo il suo addio all’Inter. I numeri comunque vanno interpretati, Lukaku con lui fa un gol a partita“.

“ROMA-NAPOLI? L’HA VINTA LA ROMA” –La partita di sabato scorso l’ha vinta la Roma più che persa il Napoli. I giallorossi hanno dato risposte importanti e credo che nelle prossime tre partite contro Juventus, Atalanta e Milan avremo un’idea più precisa sul campionato che farà la Roma nel girone di ritorno. Il Napoli è in grave difficoltà anche se resta nel complesso una grande squadra. Mazzarri non ha avuto modo di lavorare molto, gli azzurri sono da ricostruire. Il Napoli a Bergamo ha reagito alla grande, non è solo colpa di Mazzarri quello che sta succedendo. Contro Inter e Juve il Napoli è stato sfortunato, la prestazione non è mancata“.

“LA LAZIO? PROBLEMI CON SARRI SONO EVIDENTI” –La Lazio? Traspare come non tutta la rosa è convinta del lavoro di Sarri. Ripetersi ai livelli dello scorso anno era difficile, ma neanche offrire certe prestazioni. Certe dichiarazioni di Sarri rischiano di destabilizzare l’ambiente. Dopo una stagione straordinaria come quella scorsa, capirei quello che sta succedendo se si fosse alzata l’asticella ma non credo sia così. Ai giocatori possono non piacere certe dichiarazioni dell’allenatore. Per certi versi però Mourinho ha fatto anche peggio di Sarri: la differenza è che i giocatori della Roma sentono che con Mou possono crescere. La Lazio non ha un altro Milinkovic. non lo sono né Kamada né Isaksen”.

Impostazioni privacy