Matija Popovic, nuovo colpo del Milan: chi è il talento serbo che aveva stregato anche Guardiola

Il Milan si assicura Matija Popovic, una grande promessa per il futuro: chi è il talento serbo che piaceva anche al Manchester City.

Come la scorsa estate il Milan, anche nella sessione invernale, si sta confermando una delle squadre più attive sul mercato. Dopo aver sistemato la difesa col ritorno di Gabbia e l’acquisto di Terracciano, i rossoneri si sono tolti lo sfizio di battere la concorrenza Manchester City assicurandosi il cartellino di Matija Popovic.

Da diversi anni il Diavolo sta puntando sempre di più sulla linea verde, facendo crescere e lanciando diversi giovani che oggi sono protagonisti in prima squadra. Lo stesso destino che molto probabilmente attenderà Popovic, appena sbarcato in Italia con l’etichetta di una delle migliori promesse in circolazione del calcio europeo.

Il Milan sembra averci visto lungo perché sul giovanissimo serbo c’erano anche gli occhi di Guardiola, rimasto stregato dalle qualità e dai numeri di un ragazzo appena diventato maggiorenne. Un colpo in prospettiva molto interessante e importante perché la società, pur di tesserarlo a gennaio, ha occupato l’ultimo slot da extracomunitario rimasto.

Milan, alla scoperta di Matija Popovic: ruolo e numeri

A quasi tutti i tifosi del Milan giustamente non dirà niente il nome di Matija Popovic, arrivato quasi sottotraccia in una fredda giornata di gennaio ma che presto si farà conoscere sul campo. D’altronde il nuovo baby talento rossonero è soltanto un classe 2006 che non ha ancora provato l’ebrezza di giocare con i “grandi” ma ha fatto sfaceli nelle giovanili.

Milan, tutto su Matija Popovic: ruolo e numeri
Milan, alla scoperta di Matija Popovic (LaPresse) – TVPlay.it

Nato a Altötting, una piccola città tedesca della Baviera, si è trasferito in Serbia entrando nel vivaio del Partizan Belgrado che nel corso della storia ha sfornato tanti piccoli campioni. Nel suo caso l’esplosione è arrivata la scorsa stagione quando ha segnato 20 gol (più 5 assist) in 24 partite con la squadra Under 17 trascinandola alla vittoria del campionato.

Uno score impressionante che ovviamente non è passato inosservato agli addetti ai lavori, compresi gli osservatori del Milan e di tanti altri top club. Alla fine l’hanno spuntata i rossoneri, i primi ad avviare i contatti con l’entourage del giocatore sfruttando la scadenza del suo contratto (concluso lo scorso 31 dicembre) per prenderlo a costo zero a metà stagione e accordarsi per i prossimi cinque anni.

Nel prossimo futuro Pioli potrebbe avere un’altra potenziale freccia nel suo arco a livello offensivo considerando che si tratta di un trequartista, capace però si spaziare su tutto l’attacco giocando anche da punta o esterno alto. Un profilo molto duttile dotato di un’imponente struttura fisica con un’altezza di 193 centimetri che recentemente si è messo in mostra negli Europei U17 con la maglia della Nazionale serba con cui ha affrontato e battuto 2-0 anche l’Italia firmando i due assist decisivi.

Impostazioni privacy