DI BIAGIO: “TRISTE IL SERVIZIO DE ‘LE IENE’. INTER-JUVE, VLAHOVIC E LAUTARO DECISIVI”

L’ex centrocampista di Roma ed Inter è intervenuto in diretta nel programma ‘Gol di Tacco’ su TvPlay

“BOLOGNA BENE, JUVE IN DIFFICOLTA’ CON L’EMPOLI” – “Il Bologna è una grande rivelazione, bisogna fargli i complimenti. Faticano più contro le piccole. Ho visto invece una Juve in difficoltà, non è riuscita a portare a casa i tre punti anche per merito dell’Empoli che ha giocato un ottimo calcio. Credo che se fosse rimasta in undici l’avrebbe vinta, ma bisogna riconoscere che i bianconeri stiano dando il 110%, mentre l’Inter sta facendo un campionato in linea con le aspettative. Domenica la vedo sfavorita contro l’Inter anche se spero da appassionato di calcio che la lotta scudetto non finisca tra una settimana”.

SOMMERS-NZOLA? PER ME NON E’ RIGORE” – “Gli episodi arbitrali? Tra un po’ dovremo fare la moviola al VAR, perché non ci si capisce più niente. Il fallo di Sommers su Nzola? C’è un’immagine in cui si vede il portiere dell’Inter prendere prima la palla, quindi per me non è rigore. Aureliano si è fidato di quello che la squadra VAR gli ha detto”.

“CHE TRISTEZZA LE POLEMICHE SUGLI ARBITRI” – “I problemi arbitrali? È triste, dovrebbe uscire il nome dell’arbitro. Non capisco da dove escano queste cose, è evidente che ci siano stati tanti errori. La speranza è che il calcio non cada di nuovo nei problemi che abbiamo già vissuto. Comunque è molto triste, ora è doveroso andare fino in fondo. È grave che molti addetti ai lavori diano credito a queste illazioni, su Marotta che ha più potere. Per me l’Inter non ha goduto di particolari favori, sta vincendo solo perché è più forte. Ormai è una corsa alla lamentela. A volte gli arbitri non capiscono le dinamiche del calcio, ma al tempo stesso dovrebbero essere squalificati quei dirigenti che si lamentano sempre. Mourinho è stato sempre tenace nel lamentarsi: è una sua strategia“.

“DE ROSSI VUOLE PROVARE COSE DIVERSE DA MOU” – “De Rossi chiede cose diverse, vuole far arrivare il pallone più pulito agli attaccanti. Contro il Verona bene il primo tempo, molto meno nella ripresa. Con Mourinho la squadra era abituata ad aspettare e a ripartire”.

“INTER-JUVE? OCCHIO A VLAHOVIC. LAUTARO UN FENOMENO” – “Inter-Juve sarà una gara molto importante ma forse non decisiva. I bianconeri hanno ritrovato un grande Vlahovic che finalmente è assistito dalla squadra che ha alzato il proprio baricentro. Lautaro Martinez è l’attaccante più forte della Serie A, è di un altro livello. Ho visto venti partite di Lautaro quando aveva diciotto anni ed era già un fenomeno. È scaltro, furbo, fa movimenti da fenomeno. Uno come Thuram lo aiuta tanto, gli apre spazi clamorosi”.

Impostazioni privacy