Terremoto Juve, ecco chi è Maurizio Scanavino, il nuovo Direttore generale

Dopo le dimissioni del CdA della Juventus e del Presidente Andrea Agnelli, Maurizio Scanavino è il nuovo Direttore Generale del club bianconero: ecco il suo profilo

Il terremoto societario che ha investito la Juventus, azzeramento del CdA e conseguenti dimissioni del Presidente Andrea Agnelli, lascia basiti i tifosi che tutto si aspettavano tranne che un ribaltone ai vertici del club.  Si chiude un’era, quella del figlio del Dottore Umberto Agnelli, 12 anni in cui sono stati conquistati 9 scudetti di fila, e se ne apre un’altra che verrà inaugurata il 18 gennaio prossimo.

Dimissioni CdA Juventus
Dimissioni CdA Juventus (Ansa)

In quella data, infatti, è stata fissata l’assemblea dei soci che dovrà nominare il nuovo Consiglio d’Amministrazione del club bianconero. Nel frattempo, come si legge nel comunicato diffuso al termine del consiglio straordinario tenutosi alla Continassa, il dimissionario Amministratore Maurizio Arrivabene rimane in carica per traghettare la società verso la nomina del nuovo CdA.

Transizione che è stata affidata anche a Maurizio Scanavino, uomo di fiducia di John Elkaan, che ricoprirà il ruolo di Direttore Generale in attesa che venga definito il nuovo organigramma. Ma chi è Maurizio Scanavino? Scopriamolo insieme.

Chi è Maurizio Scanavino, uomo di fiducia della famiglia Agnelli

Maurizio Scanavino
Maurizio Scanavino, nuovo Direttore Generale della Juventus (Ansa)

Nato a Torino nel 1973, dove si è laureato in Ingegneria delle Telecomunicazioni presso il locale Politecnico, Maurizio Scanavino, dopo gli inizi in Accenture, ha svolto tutta la propria carriera all’interno delle aziende del Gruppo FIAT dove è arrivato nel 2004, in qualità di Direttore di Brand Promotion, specializzato in marketing e comunicazione, chiamato da Sergio Marchionne.

Dopo aver collaborato con Marchionne al rilancio della FIAT, nel 2007 Scanavino passa al settore editoriale del Gruppo come Direttore dell’area digitale e marketing dell’editrice de “La Stampa”. Nel 2013 il passaggio al “Secolo XIX” in qualità di Amministratore Delegato. Lavora poi alla fusione con “La Stampa”, operazione che porta alla nascita di ITEDI del quale diventa Direttore Generale.

E’, infine, il regista della fusione fra ITEDI e il Gruppo Espresso che dà vita al gruppo GEDI del quale ricopre i ruoli di Amministratore Delegato e Direttore Generale e che da ieri affianca alla carica di Direttore Generale della Juventus.