Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Chi è David, bomber spietato finito nel mirino del Napoli: 5 cose da sapere su di lui

Jonathan David

Bomber spietato, autore di un’ennesima buona stagione con il Lille: ecco chi è Jonathan David, attaccante nel mirino del Napoli per il post-Osimhen. 

Jonathan David è uno dei calciatori più importanti del momento. Si tratta di un bomber di razza, classe 2000, finito sul taccuino dei migliori dirigenti del mondo. E dopo tre stagioni al Lille, sembra essere arrivato il momento di guardare oltre, fare nuove esperienze.

Jonathan David
Il Napoli punta Jonathan David: le curiosità su di lui (TvPlay.it)

L’attaccante fu prelevato dal club francese nel 2020, in piena pandemia, quando il Napoli acquistò dal Lille Osimhen. E i destini dei due calciatori sembrano intrecciarsi ancora una volta. Infatti, l’attuale centravanti e capocannoniere della Serie A potrebbe lasciare l’Italia per una nuova avventura. E Spalletti, al posto di Victor, avrebbe puntato le sue fiches su Iceman, il bomber del Lille che segna a raffica da quando ha iniziato a giocare a livello professionale in Europa.

Cinque cose da sapere su Jonathan David

Nato a Brooklin, distretto di New York, Jonathan è cresciuto per i primi sei anni ad Haiti, prima del trasferimento definitivo ad Ottawa assieme alla sua famiglia. David ha quindi scelto di diventare un calciatore canadese, dato che ha trascorso gran parte di infanzia e di adolescenza in Nord America.

Jonathan David attaccante Lille
Le cose da sapere su Jonathan David (TvPlay.it- ANSA)

A sei anni, guardava l’Italia vincere la Coppa del Mondo in Germania. Ma in particolare, si innamorò di una nazionale: il Brasile. Quella Selecao era davvero forte tecnicamente. I giocatori a disposizione avevano un talento naturale nel saltare gli avversari ed era chiaramente la favorita alla vittoria del titolo. La storia, poi, ha fatto il resto. Ma tra quei brasiliani, spiccava Ronaldinho: “Ho sempre voluto essere Ronaldinho, per le sue giocate, per la sua fantasia – dichiarò in un’intervista a Sky Sport prima del Mondiale 2022 in Qatar – Credo che tutti vorrebbero imitare in campo le finte di Ronaldinho“.

Ma tra i suoi idoli, oltre a Ronaldinho, c’è anche un francese, che era protagonista al Mondiale del 2006 in Germania. Si tratta di Thierry Henry. Il classe 2000 spiegò a OneFootball che l’ex Arsenal lo affascinava per “il modo in cui dribbla, per come cade, per come affronta gli avversari”. E sembra essere sulla buona strada per intraprendere una carriera vincente come quella di Henry. Infatti, David da quando è sbarcato in Europa nel 2018 ha sempre raggiunto la doppia cifra di gol a fine stagione. Ha iniziato con il Gent e dopo due stagioni terminate con 37 marcature, fu prelevato dal Lille, dove attualmente è protagonista assoluto. Bravo anche su rigore (già sette segnati quest’anno in campionato), ha la media realizzativa di un gol ogni 2 partite.

Proprio per la sua bravura sotto porta, il ct della Nazionale canadese John Herdman l’ha soprannominato Iceman, perché Jonathan è in grado di saper leggere con lucidità cosa fa il portiere nell’uno contro uno. Sotto porta David è glaciale. Proprio quelle caratteristiche che servirebbero al Napoli in caso di partenza di Osimhen al termine di questa stagione. Infine, una curiosità sulla vita del calciatore canadese, è che ha uno stile ben riconoscibile e ama vestire alla moda. Non a caso, nel corso degli ultimi anni, si è prestato anche da modello per alcuni shooting.

Gestione cookie