Sarri, la mossa che cambia il suo futuro: tutti i dettagli

Il tecnico è legato alla Lazio fino a giugno del 2025 ma qualche scenario nuovo e improvviso potrebbe cambiare di nuovo la sua storia

Un futuro tutto da scrivere e soprattutto da decidere. Alla Lazio non sta male anzi sta cercando di trovare il bandolo della matassa, ma qualcosa in Maurizio Sarri è cambiato. Fino a poco tempo fa era totalmente concentrato e dentro al suo progetto biancoceleste, ma da un po’ c’è qualcosa che gli ronza nella testa. Una voglia che pensava fosse passeggera, ma in realtà non è così. E più passa il tempo, più avverte la necessità di cambiare. Si, cambiare aria nonostante abbia un contratto fino a giugno del 2025.

Determinate mosse si fanno in silenzio e senza cercare di far venire fuori dettagli o qualcosa che si possa ricondurre a una sua idea o tentazione. Ma nel mercato i segreti non durano poi così tanto, soprattutto se ci sono agenti Fifa e procuratori famosi che si muovono e parlano a nome di qualcuno. E questo mister X porta il nome e cognome di Maurizio Sarri. Il tecnico sa bene come funziona il gioco e la situazione, soprattutto quando ci sono rumors su rumors che cominciano a viaggiare. Sa altrettanto bene, l’allenatore che tenere il segreto o il fatto che il suo nome cominci a circolare nell’ambiente del mercato è quasi impossibile, se non impossibile del tutto. Il giochino è presto fatto, se circola il nome di Sarri lontano dalla Lazio non è certo lui che lo sta facendo girare, ma è il mercato che si muove attorno a lui.

Il tecnico avrebbe ingaggiato un manager famoso per portarlo in Premier

Che Maurizio Sarri non senta più come prima il progetto legato alla Lazio è quasi una cosa scontata. Troppi capogiri, troppe situazioni che lo convincono poco, almeno per come è fatto lui. E anche il rapporto con il presidente Claudio Lotito non è più come quello che c’era prima. Qualcosa si era un po’ incrinato già questa estate durante il mercato. Il tecnico da quando era a Formello ha sempre avuto la sensazione di aver carta bianca e fino a un certo punto è stato così, mai totalmente però. Qualche parvenza c’era, ma poi alla fine il patron faceva come voleva, anche quando c’era Igli Tare.

Sarri verso la Premier
Il presidente della Lazio Claudio Lotito (Tvplay.it)

Con l’ex direttore sportivo il feeling nell’ultimo anno si è deteriorato e Sarri pensava che senza di lui potesse gestire e gestirsi meglio, invece sta andando peggio di prima, soprattutto all’interno dello spogliatoio. Con il nuovo dirigente Fabiani l’intesa è buona, ma non ottima, anche perché, pur facendo qualche “cazziatone” con i giocatori non ha quel tipo di rapporto di bastone e carota, con carisma che aveva il dirigente albanese che, nonostante tutto, al tecnico dava una grande mano. I risultati, poi, non stanno aiutando per niente. Da qui l’idea di Maurizio Sarri di rivolgersi a Trinboli, un manager famoso e bravo soprattutto nel proporre i suoi candidati. L’intenzione, clamorosa al solo pensiero, è quello di poter rientrare in Premier League. In quell’Inghilterra che a Maurizio gli è rimasta un po’ nel cuore, come se avesse lasciato il lavoro a metà. Dichiarazioni di rito e pro-Lazio a parte, Sarri ci spera tanto. E la forte sensazione è che ci speri tanto, anche Claudio Lotito, considerato che ballano 4 milioni di euro fino al 2024 e altri 4 fino al 2025…E non sono pochi per niente. A fine stagione se ci saranno opportunità saluti e baci. E da entrambe le parti, d’altronde Maurizio oltre i tre anni non è mai restato da nessuna parte. Un finale già scritto.

Impostazioni privacy