Milan, non solo Guirassy: nuova rivoluzione a gennaio

La strategia di mercato del Milan tra acquisti, rientri e cessioni. Tre nuove pedine per Pioli a gennaio, ma il suo pupillo è in partenza.

Nel recente passato e anche quest’anno i tifosi del Milan sono ormai abituati ad attraversare un’emergenza infortuni. Ogni stagione rivelandosi sostanzialmente peggiore della precedente e se i primi tempi le aspettative più basse intorno alla squadra sommate al clima di ricostruzione favorivano un approccio più da “cuore oltre l’ostacolo”, adesso è tutto diverso.

La sequenza di infortuni non è più derubricata né a casualità né a sfortuna, così come i limiti in rosa sono un ulteriore aggravante agli occhi di gran parte della tifoseria che si divide tra chi addita maggiormente la dirigenza, chi l’allenatore ed il suo staff, comprensivo di staff medico, chi tutti quanti indistintamente.

Una cosa è certa, dopo l’allontanamento di Maldini la proprietà ha reso quantomai chiaro il concetto che nel Milan chiunque sbagli può essere sollevato dal suo incarico. Viene automatico pensare che quindi la posizione più a rischio in caso di flop sia quella di Pioli, tuttavia non sarebbe esente da giudizi anche l’operato del duo Furlani-Moncada. Ecco perché il Milan a gennaio tenterà tutto il possibile per mettersi quanto più possibile sui binari giusti per raggiungere almeno una comoda qualificazione in Champions League.

Tutti i piani rossoneri per gennaio

Il mercato di gennaio, cosiddetto di riparazione, vedrà con ogni probabilità il Milan in veste di protagonista. Non può essere altrimenti vista la raffica di infortuni che si è abbattuta sulla squadra di Pioli che ora sta cercando di adottare soluzioni inedite per sopperire alle assenze.

Una di queste è quella di utilizzare Theo Hernandez come centrale, dopo il “buona la prima” col Frosinone, si attendono conferme contro l’Atalanta. Quest’opzione potrebbe quindi agevolare non tanto l’arrivo di un centrale bensì di un vice-Theo per la fascia sinistra, che sarebbe ovviamente Juan Miranda.

Juan Miranda. (ansa-tvplay)
Juan Miranda. (ansa-tvplay)

Per avere lo spagnolo già a gennaio anziché gratis a giugno, i rossoneri offrono 3 milioni che però il Betis ritiene insufficienti. Il Diavolo per la riapertura della finestra di mercato però potrebbe disporre di nuove risorse per rilanciare. Rade Krunic infatti resta un obiettivo del Fenerbahce che può chiudere per il bosniaco mettendo 10 milioni sul piatto. Per il reparto arretrato il sogno resta sempre Jakub Kiwior, per il qual l’Arsenal però ancora non apre al prestito, si valuta quindi un’altra operazione sempre dalla Spagna, il ritorno alla base di Matteo Gabbia.

Resta ancora un’incognita la strada che si prenderà al bivio per l’attaccante, con le ipotesi Jonathan David del Lille da una parte e Serhou Guirassy dello Stoccarda, per il quale risulta che Moncada si è personalmente mosso per sondare il terreno sia con il club tedesco che col calciatore guineiano naturalizzato francese che quest’anno ha già realizzato 16 reti in 11 match di Bundesliga.

Impostazioni privacy