Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Brasile, Neymar supera Pelé: chi sono i migliori bomber delle Nazionali più forti

Neymar, i bomber delle altre Nazionali

Neymar ha superato Pelé nella classifica dei migliori marcatori del Brasile: chi sono i bomber all-time delle altre Nazionali più forti.

E’ stata una serata storica per Neymar che, grazie alla doppietta segnata alla Bolivia, è diventato il migliore marcatore di sempre del Brasile. Un traguardo speciale perché il fuoriclasse verdeoro ha scalzato dal primo posto una leggenda come Pelé, fermatosi a 77 gol rispetto ai 79 appena raggiunti del suo successore.

Un record battuto all’Estadio Olimpico do Para (Belèm) dove la squadra di Diniz ha conquistato una larga vittoria per 5-1, in cui O’Ney ha sbagliato anche un rigore, nella prima partita di qualificazione ai Mondiali 2026. Proprio la prossima rassegna iridata sarà l’ultima chiamata per la nuova stella dell’Al-Hilal per coronare anche il sogno di vincere l’unico trofeo che gli manca in carriera.

Un’emozione invece vissuta da quasi tutte le altre stelle di questa Nazionale che oggi vanta ancora il maggior numero di titoli (cinque) in questa competizione dove però non festeggia da oltre un ventennio. Di certo il cammino non poteva iniziare meglio per la Selecao, considerate le insidie del girone sudamericano, ma alla fine la cosa che conta sarà fare la differenza nella fase finale.

Neymar e i suoi fratelli: i record di gol delle varie Nazionali

E’ sicuramente un grande onore per Neymar essere il massimo goleador del suo paese, uno dei più famosi e rappresentativi del calcio mondiale. Come lui ci sono tante altre stelle che guidano la speciale classifica dei bomber nelle loro rispettive Nazionali dove si mescolano ricordi del passato a imprese più recenti.

Neymar e i suoi fratelli: i migliori bomber delle Nazionali
Lionel Messi, massimo goleador dell’Argentina (ANSA) – TVPlay.it

Facendo riferimento all’attuale ranking FIFA, il cui ultimo aggiornamento è datato lo scorso luglio, è curioso e a tratti sorprendente andare a scorrere i marcatori all-time delle prime dieci Nazionali più forti al mondo. Si parte dell’Argentina, campione del mondo in carica, dove il trono è inevitabilmente di Lionel Messi, primo per distacco con 104 centri e vicino al doppiare Batistuta (secondo con 55 reti).

Nella Francia in testa c’è Olivier Giroud che recentemente ha scavalcato Thierry Henry (51 gol) arrivando a quota 54 ma il primato è destinato a finire nelle mani di Kylian Mbappé, già a 40 gol a soli 24 anni. Nell’Inghilterra invece Harry Kane non ha rivali e, in attesa delle nuove generazioni, il suo record (attualmente di 58 gol) resterà intatto per molti anni considerando che tutti gli altri connazionali indietro in classifica si sono ritirati.

Il dato preoccupante dell’Italia

La stessa cosa per il Belgio dove Romelu Lukaku, oggi a 75 reti, ha staccato facilmente tutti basti pensare che al secondo posto c’è Eden Hazard a 33. Nella Croazia invece troviamo per la prima volta in vetta un giocatore non più in attività come Davor Suker che nel 2003 ha chiuso la carriera con 45 centri, dodici in più di Ivan Perisic (33) al momento l’unico in grado di batterlo anche se il tempo stringe.

Poi c’è l’Olanda dove il primato di Van Persie, arrivato a 50 gol, è minacciato da Memphis Depay che insegue a 44 reti e teoricamente ha ancora diversi anni davanti per effettuare il sorpasso. Fa specie invece la classifica dell’Italia, la più bassa di tutte a livello numerico, il cui podio è formato da vecchi campioni come Luigi Riva (35), Giuseppe Maezza (33) e Silvio Piola (30) a conferma della mancanza ai giorni d’oggi di un grande bomber visto che il primo in attività è Immobile (16), addirittura al 16°posto.

Infine non c’è storia nel Portogallo dove ovviamente domina Cristiano Ronaldo, il migliore tra tutte le Nazionali, con 123 marcature che sono destinate ancora a salire. Come per gli azzurri anche la Spagna non ha una tradizione di grandi attaccanti considerando che le prime tre posizioni sono ancora di Villa (59), Raul (44) e Torres (38) con Morata quinto a 33.

Gestione cookie